Loading...
SCANNER 3D: rilievo misure progetto
27Gen

SCANNER 3D: rilievo misure progetto

SCANNER 3D: rilievo misure progetto

Anteprima-Post-scanner-3-D-Milper

SCANNER 3D: industria 4.0

Riprodurre alla perfezione un pezzo di cui si è già in possesso, può essere un po’ complicato. Le difficoltà aumentano se il pezzo da riprodurre è un elemento meccanico, in questi casi è indispensabile un’elevata precisione, pena il malfunzionamento di un intero macchinario.

Fino a poco tempo fa, il processo di riproduzione di uno o più pezzi ormai non più disponibili sul mercato, era un problema non da poco per gli industriali; in alcuni casi, il costo elevatissimo di quest’operazione (e l’impossibilità di riprodurre in maniera corretta alcuni tipi di oggetti) potevano orientare il proprietario dell’azienda verso una soluzione radicale, ossia la sostituzione completa del macchinario da riparare.

Oggi, per fortuna, la tecnologia può aiutare a risolvere questo problema, grazie alla scansione 3D. Con sistemi di scansione ottica, è possibile effettuare delle misure incredibilmente precise, riproducendo qualsiasi tipo di oggetto.

Le applicazioni di questa tecnologia sono praticamente infinite: con la scansione 3D è possibile riprodurre sia oggetti di piccole dimensioni, che pezzi meccanici ad alta precisione; inoltre, questo tipo di misurazione trova largo impiego anche nel settore estrattivo, e più in generale nel primario, dove parti meccaniche o strutturali di grandi dimensioni, devono essere sostituite con una certa regolarità per garantire l’efficienza degli impianti.
Link-guida
REVERSE ENGINEERING: misurazione manuale VS scansione 3D

È vero, le scansioni 3D, così come i metodi di misurazione e riproduzione degli oggetti, sono vere e proprie opere di Reverse Engineering. Ossia: l’oggetto pre esistente verrà analizzato approfonditamente, misurato in ogni sua parte, migliorato là dove necessario e infine riprodotto.

Ad oggi le metodologie disponibili sono 2: il metodo manuale e la scansione 3D, una tecnologia piuttosto recente. Il metodo manuale consiste nella misurazione (con metri, micrometri, goniometri ecc…) di ogni singola parte del pezzo. Le misure verranno poi utilizzate per creare dei modelli digitali, con programmi tipo CAD; il modello così ottenuto verrà, in seguito, riprodotto industrialmente.

Questa metodologia ha dei limiti evidenti: le misurazioni effettuate con strumenti analogici, così come le misurazioni, più in generale, effettuate da una persona, introducono la possibilità di errori umani. Inoltre, ogni strumento utilizzato per effettuare le misure, ha una propria sensibilità, questo significa che le misurazioni potrebbero risultare leggermente imprecise, a seconda dell’abilità dell’operatore. In genere, le operazioni di misurazione e progettazione manuali, richiedono soprattutto su pezzi molto complessi, molto tempo, il che si traduce in costi elevati.

La scansione 3D riduce le variabili relative all’abilità dell’operatore, alla sensibilità degli strumenti e ai possibili errori umani. Questo tipo di rilievo, viene effettuato tramite uno scanner 3D. Capace di leggere e misurare con maggiore precisione qualsiasi manufatto o pezzo meccanico.

Post-scanner-3-D-progettazione-Milper-2

Il risultato restituito dalla macchina, verrà utilizzato per generare un modello 3D sul PC dell’operatore; in seguito, tale modello digitale “grezzo” verrà utilizzato per creare un solido digitale, pronto per la linea di produzione. Questo sistema richiede molto meno tempo, rispetto alla misurazione manuale, ed è quindi notevolmente più economico, inoltre è caratterizzato da una grande precisione.

Link-guida




Iscriviti per rimanere aggiornato

Inviaci la tua mail e ti aggiorneremo in tempo reale su notizie e info utili

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
RSS
Facebook
YouTube
LinkedIn
Instagram